MEET YOUR DELEGATES

Fochi_1-rid

Pietro Fochi

BIO (IT)Sono Pietro, un entusiasta cittadino italiano, europeo e del mondo – social entrepreneur e studente della Scuola di Giurisprudenza dell’Alma Mater Studiorum. Lo stretto legame con il nostro Paese, unito al forte senso di appartenenza alla comunità globale, mi hanno portato a vivere esperienze attraverso l’Europa e oltre: dalla Svizzera a Israele, dagli Stati Uniti ai Balcani. Conoscere realtà diverse e variegate ha rafforzato il mio desiderio di contribuire all’internazionalizzazione dei giovani italiani costruendo e partecipando a numerose esperienze di formazione: attività di youth work, conferenze Model e dialoghi strutturati. Sono co-fondatore di un’associazione studentesca universitaria e dell’hub Eduactive, ho collaborato con il settore privato e partecipato a vario titolo a iniziative di organizzazioni nazionali e internazionali (SIOI, ANG, EUIPO, OHCHR, FAF).
Credo fermamente che il cambiamento verso un mondo più equo e sostenibile debba partire da noi giovani e dalla nostra spinta creativa, veicolo per l’implementazione concreta degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibili. Da sempre studente lavoratore, ho imparato che esperienze di educazione non formale e di lavoro contribuiscono a renderci cittadini consapevoli.
Ricoprire il ruolo di UNYD italiano è occasione e responsabilità per rendere la nostra società più aperta alla dimensione internazionale e dunque più inclusiva, per consolidare e dove necessario costruire un ponte tra giovani e istituzioni e favorirne il dialogo. Considero valori principali, in questo percorso, la condivisione e la partecipazione.
BIO (EN)I am Pietro, enthusiast Italian, European, and World citizen – both social entrepreneur and student of School of Law at University of Bologna. My tight bond with our Country, together with a strong sense of belonging to the global community led me to live experiences throughout Europe and around the World: from Switzerland to Israel, from the US to the Balkans. Getting in touch with a variety of cultures and people enhanced my will to contribute to the internationalization of Italian youngsters by taking part in and setting up learning experiences: youth work activities, Model conferences and structured dialogues. Acting as a co-founder of a student-run organization and of Eduactive, I have worked as well with private sector and been involved in numerous activities by National and International Organizations (SIOI – UNA, Italian NA, EUIPO, OHCHR, FAF).
I firmly believe that Change toward a more equitable and sustainable world shall begin from us, young people, and our creative power should be the vehicle for the concrete implementation of the Sustainable Development Goals. As a working student, I have learnt that non-formal education and work experiences are crucial for succeeding in becoming aware and enlightened citizens of tomorrow.
To be UNYD of Italy is both an opportunity and a responsibility to contribute to expand our society’s international dimension therefore making it more inclusive. Promoting an effective dialogue will both strengthen and wherever needed also create a bridge between youth and institutions. I consider sharing and participation core values on this pathway.
Spizzuoco-rid

Fiorella Spizzuoco

BIO (IT)

Mi chiamo Fiorella, sono nata a Napoli nel 1993 e sono una studentessa di scienze politiche, indirizzo Studi Internazionali, interessata soprattutto allo studio dei conflitti e allo sviluppo sostenibile.
Fin da piccola sono una grande appassionata di viaggi, letteratura e arte, ma crescendo ho conosciuto il mondo della politica internazionale e me ne sono innamorata.
Durante il liceo e la laurea triennale, ho avuto modo di approfondire lo studio di 4 lingue straniere e di prendere parte a viaggi di studio, scambi culturali e progetti europei che mi hanno dato la possibilità di ampliare i miei orizzonti e di confrontarmi con ragazzi provenienti da realtà diverse dalla mia. Ho passato molte estati studiando inglese in college, lavorando come ragazza alla pari in Francia o studiando spagnolo nel sud della Spagna.
Come studentessa di laurea magistrale ho svolto un internship presso il Consolato Generale degli Stati Uniti per il Sud Italia, nella sezione politico-economica, e ho anche preso parte all’edizione 2017 del Change the World Model United Nations, rappresentando il Venezuela nel Security Council per studenti universitari.
Queste esperienze mi hanno spinto ad approfondire il mio già solido interesse nei confronti del lavoro delle Nazioni Unite e delle Relazioni Internazionali.
Grazie ad esse, ho capito quanto sia determinante l’apporto che noi giovani possiamo e dobbiamo dare affinché principi di sostenibilità, pace ed uguaglianza si diffondano capillarmente a tutti i livelli istituzionali e della società.
Essere dunque la nuova UNYD è per me un grande onore e un’opportunità per conoscere ragazze/i che, come me, vogliano lavorare sodo, condividendo le loro esperienze e le loro aspettative per il futuro; sono infatti convinta che:”We are only as strong as we are united, as weak as we are divided“ .

BIO (EN)My name is Fiorella, I was born in Naples in 1993 and I am a student of political science — major International Studies, mainly interested in conflict studies and sustainable development.
Since early age I have been passionate about travels, literature and art, but growing up I made my first encounters with international politics and completely fell in love with it.
During High School and Bachelor years I had the opportunity to learn four languages, taking part in study trips, cultural exchanges and european projects: all these chances widened my horizons and allowed my to confront myself with young people coming from different backgrounds and realities. I spent many of my summers studying English in college, working as au pair in France or studying Spanish in the South of Spain.
As Master’ student I did an internship at US Consulate General for Southern Italy, in the political-economic section, and I also took part in the 2017 edition of the Change the World MUN, representing Venezuela in the Security Council for universities. Both experiences pushed me to deepen my (already strong) knowledge of the United Nations and the world of International Relations.
Thanks to them, I understood the significance of youth’s role when it comes to spread principles such as sustainability, peace and equality at all institutional and social levels.
Consequently, being the new UNYD is for me a great honor and a unique opportunity to meet young men and women that, just like me, wish to work as hard as they can, sharing their experiences and their expectations for the future; I am firmly convinced that: “We are only as strong as we are united, as weak as we are divided“.
G_De_Marco_UNYDP_fotoprofilo-200x300-200x300

Giuseppina De Marco

BIO (IT)

Mi chiamo Giuseppina, cittadina italiana ed europea di ventitré anni, e sono una studentessa di giurisprudenza all’Università di Bologna interessata al diritto internazionale e all’investimento sul potenziale giovanile.
Ho iniziato a conoscere l’Organizzazione delle Nazioni Unite quando ero ancora al liceo e presi parte a una simulazione accademica delle Nazioni Unite. Da allora ho preso parte a molte altre conferenze e attività didattiche che mi hanno aiutato a comprendere il lavoro dell’ONU e l’importanza dello scambio di idee con coetanei provenienti da altri paesi e contesti socio-culturali. Sono stata promotrice e fondatrice dell’associazione studentesca AlmaMUN Society, Rapporteur alla ROMUN2015, studentessa Erasmus+ all’Università KU Leuven e una stagista al Max Planck Institute for Comparative Public Law and International Law. Ho partecipato al nono Forum dei Giovani dell’UNESCO sullo sviluppo sostenibile e il ruolo dei giovani e a una visita di studio alla missione di peacekeeping dell’ONU a Cipro. Queste esperienze hanno confermato la mia convinzione che le giovani generazioni siano l’attore più importante quando si tratta di rinnovare le istituzioni esistenti a livello locale e globale e per raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile (SDGs). Sono onorata di essere la prima giovane delegata italiana donna all’ONU e mi impegnerò al mio meglio per rappresentare le nostre istanze e speranze. Sono entusiasta di intraprendere questo percorso per avvicinare la gioventù italiana all’ONU e l’ONU a noi giovani.

BIO (EN)

I am Giuseppina a 23-year-old Italian and European citizen and a law student at the University of Bologna with a strong interest in international law and youth empowerment.
I got to know about the Organization of the United Nations when I was still in high school and I participated in a Model United Nations conference. Since then, I was involved in many more conferences and learning activities that helped me gain an insight into the work of the UN and the value of exchanging ideas with young peers from different countries and backgrounds. I was promoter and founder of the student-led organization AlmaMUN Society, Rapporteur at ROMUN2015, Eramus+ student at KU Leuven University and an intern at the Max Planck Institute for Comparative Public Law and International Law. I participated in the 9th UNESCO Youth Forum on sustainable development and the role of youth and I was part of an international study group to the United Nations Peacekeeping Force in Cyprus. These experiences strengthen my confidence that young people are the most important actor when it comes to reshape existing local and global institutions and to achieve the Sustainable Development Goals. I am honored to be the first female Italian Youth Delegate at UN and I will do my very best to represent our stances and hopes. I cannot wait to embark in this journey to bring Italian youth closer to the UN and the UN closer to us.

T_Mure_UNYDP_fotoprofilo-200x300-200x300

Tommaso Murè

BIO (IT)

Mi chiamo Tommaso Murè, sono uno studente, un appassionato di politica internazionale, un amante degli sport su tavola ed ho un debole per la musica elettronica.
Sono nato e vivo a Roma dove attualmente Studio Relazioni Internazionali. Ho iniziato a dedicarmi alla rappresentanza studentesca negli anni del liceo, focalizzandomi sia su tematiche locali che internazionali. Nel tempo, ho preso parte a numerosi scambi culturali, trascorso periodi di studio all’estero (in Spagna, Francia, Irlanda e Germania) e viaggiato molto, visitando paesi e realtà di tutto il mondo.
Dal 2016 sono membro del consiglio direttivo di MSOI Roma e nello stesso anno ho preso parte alla prima edizione di #zerohackathon dove, con il mio team, abbiamo vinto il primo premio. Anche grazie a queste esperienze ho avuto la fortuna di conoscere studenti motivati, preparati e pieni di idee innovative, rafforzando così la mia convinzione sul ruolo fondamentale che le nuove generazioni ricoprono nel contribuire ad un futuro equo e sostenibile.
Essere dunque lo UNYD, per me vuol dire coinvolgere queste/i ragazze/i, lavorando insieme sulla dimensione locale degli SDGs e sulla consapevolezza che i nostri gesti quotidiani hanno, sempre più, una valenza politica di primaria importanza che influenza fortemente il nostro futuro.
Se non ci pensiamo noi, chi altri dovrebbe farlo?

BIO (EN)

My name is Tommaso Murè, I am a student, an International Politics enthusiast, a board-sports lover and an electronic music listener.
I was born in Rome where I’m currently studying IR. Since my highschool days, I started caring about students government activities focusing both on local and international issues. I also took part to cultural exchange activities and spent time studying abroad, mostly in France, Ireland, Spain and Germany. Moreover, since I was a child I have always travelled al lot all over the world.
Since 2016 I am a member of the MSOI Roma board council. In the same year I took part to the first edition of #zerohackathon, where my team and I won the first prize. This kind of experiences allowed me to meet many motivated and skilled youth that strengthened my belief that new gener-ations play a key role in achieving a fair and sustainable future.
Thus, to be the UNYD – Italy, it means to me to involve younger generations in working on the very local dimensions of SDGs and, also, raising their awareness that our daily habits have acquired an increasing political meaning that further influence our future.
If not us, who?

Contact the Youth Delegates

Share Button